Ten Col Luigi Tunesi
Capo Genio Stato Maggiore Br fr 9


Caro Luigi,

nei nostri servizi militari ti ho conosciuto come un ufficiale la cui funzione, di capo Genio, ti permetteva di autogestirti, eri però sempre presente con un sorriso o una battuta sottile ed ironica a favore di chi come me era radicato in ufficio tra le scartoffie.

Sei stato un promotore della costruzione della nostra Testimonianza partecipando attivamente, quale ingegnere, dimostrando competenza e generosità.

Mi ricordo, come fosse ieri, il tuo immediato e spontaneo consenso quando, il venerdì Santo del 2003 (eri nella tua casa di Gola di Lago), ti telefonai per chiedere il tuo parere.

La Confederazione aveva infatti ricevuto una richiesta di acquisto per i due fortini e noi non avevamo i requisiti per entrare in considerazione quali acquirenti. La nostra Associazione spontanea non era costituita in forma ufficiale e pertanto non registrata al registro di commercio.

Ti ho proposto di costituirci ufficialmente al fine di rivendicare il fortino sottostante la Testimonianza (Cima1 e Cima2). Con entusiasmo e commozione hai accettato e fu così possibile, il martedì successivo, costituire con Niccolò la nuova ATBRFR9.

Luigi, il nostro intento di mantenere determinate infrastrutture e consegnarle quale testimonianza di un passato, che sembra così lontano, lo manterremo.

Luigi, ci hai sempre messo  à l'aise  cercando di sdrammatizzare: mi ricordo che in occasione di una tua ospedalizzazione, dove si poteva già intravedere la gravità della malattia, ci dicesti: questa notte non ho dormito e ho avuto tempo di pensare a cosa mi avrebbe fatto dispiacere lasciare su questa terra, ho fatto una scala di valori e al primo posto ho messo la caramelle Mu.
Ecco ti ricordo volentieri così, sorridente, scherzoso ed amico.

Avremmo sicuramente potuto continuare a dire presente alla Testimonianza, ogni secondo sabato di ottobre a Gola di Lago, ma il destino ha voluto diversamente. So che, anche se non presente fisicamente, ci sarai e ci guarderai con amicizia.

Ciao Luigi
Marco Dolina
brfr9028001.jpg